Violenza economica: una forma di controllo invisibile. Per questo è necessario parlarne

Il Fatto Quotidiano

“Vivo con i miei figli una violenza estenuante, seppur non visibile agli occhi degli altri”. E’ cosi che inizia una delle tante email che arrivano a “Mia Economia”, lo sportello che aiuta le donne a riconoscere e affrontare la violenza economica, inaugurato un anno fa da Fondazione Pangea Onlus con l’avvio del progetto Reama, la rete per l’empowerment e l’auto mutuo aiuto per le donne che vivono la violenza.

Continua a leggere