Il Tempo: Melito Porto Salvo, sentenza scandalosa

Il Tempo, 22 dicembre 2018 

Fondazione Pangea Onlus con “Reama”, la rete per l’empowerment e l’auto mutuo aiuto delle donne vittime di violenza, sono  indignate per l’esito del processo in primo grado sul caso dello stupro di gruppo di Melito Porto Salvo. Sei condanne e due assoluzioni per il branco guidato dal figlio del boss che per ben due anni violentò una 13enne. “Una sentenza – dichiarano Fondazione Pangea e Reama – che nell’assolvere due degli imputati e nel rendere liberi gli altri in attesa del pronunciamento definitivo, rende la ragazza vittima due volte e la umilia. Questa sentenza tollera gli stupri e non protegge le donne dentro e fuori dai processi”.

Stupro di Melito, le donne vittime due volte

Le associazioni che fanno parte di Reama – la rete per l’Empowerment e l’aiuto mutuo aiuto delle donne vittime di violenza – e Fndazione Pangea Onlus, sono indignate per l’esito del processo in primo grado sul caso dello stupro di gruppo di Melito Porto Salvo che si è concluso con sei condanne e due assoluzioni per il branco guidato dal figlio del boss che per anni violentò una 13 enne. Una sentenza – affermano le associazioni – che nell’assolvere due degli imputati e nel rendere liberi gli altri in attesa del pronunciamento definitivo, ancora una volta umilia le donne e le rende vittime due volte di una giustizia che non punisce gli autori di violenza, tollera gli stupri e non crede alle donne durante i processi”. E’ quanto affermano le associazioni della rete Reama e Fondazione Pangea Onlus.