Stop narrazione che giustifica violenza