Corriere della Sera, le donne vittime di violenza chiedono aiuto via mail

Corriere della Sera

“La richiesta di aiuto all’indirizzo email sportello@reamanetwork.org viene orientata, in base alle specifiche richieste, al centro antiviolenza, al servizio o al legale più vicino alla donna. Soprattutto adesso, questo strumento è fondamentale per non far sentire le donne sole. Dobbiamo rompere il doppio isolamento psicologico creato da un lato dall’uomo violento e dall’altro dalle restrizioni del covid-19….Le ricadute maggiori di questa recrudescenza durante l’isolamento le vedremo dopo. Per questo Fondazione Pangea Onlus c’è e ci sarà”.

L’articolo di @Carlotta De Leo per il Corriere della Sera sul lavoro della rete antiviolenza Reama di Fondazione Pangea durante il Covid-19.

Continua a leggere 

Ansa, Pangea dice sì a emendamenti Commissione Femminicidio sotto Covid

Ansa

ANSA_
*Coronavirus:Pangea,bene emendamento commissione Femminicidio*

(ANSA) – ROMA, 07 APR – “Il nostro sostegno totale va all`emendamento proposto da tutta la commissione Femminicidio, presieduta dalla senatrice Valente, approvato dal Senato e rafforzata da una lettera sottoscritta in maniera trasversale da 40 parlamentari affinché questo emendamento entri nel nuovo Cura Italia”. E` quanto afferma in una nota Simona Lanzoni, vicepresidente di Fondazione Pangea Onlus e coordinatrice rete antiviolenza Reama. “Per questo chiediamo – aggiunge – che la Commissione Bilancio in questi giorni di intenso lavoro recepisca integralmente gli emendamenti proposti dalla commissione Femminicidio nel decreto Cura Italia. E` essenziale per garantire maggiori risorse economiche per i percorsi di uscita dalla violenza, per garantire kit sanitari e interventi logistici per le case rifugio, per sostituire attraverso collegamenti da remoto gli incontri protetti tra il genitore e il minore a garanzia della salute di quest`ultimo e per garantire lo svolgimento delle udienze per l`allontanamento del maltrattante. E` un segnale per tutti e tutte, non solo per le donne coinvolte, perché il tema della violenza domestica non resti confinato come un problema che riguardi solo una parte della popolazione, ma diventi un capitolo importante di questa emergenza che coinvolge l`intera popolazione per le ricadute in termini sanitari ed economici verso le donne che vivono la violenza e i loro figli”.

Askanews, No a fare del Coronavirus il nuovo “raptus di gelosia” 

Askanews

Le Regioni devono usare ‘rapidamente’ i margini finanziari che hanno avuto per sostenere i centri antiviolenza e le case rifugio così da fronteggiare le conseguenze dell’emergenza Coronavirus che ha avuto risvolti drammatici sul già enorme problema della violenza sulle donne. E’ quanto afferma Simona Lanzoni, vice presidente Fondazione Pangea Onlus e coordinatrice rete Reama, la quale sottolinea come sia ‘urgente’ che la commissione Bilancio del Senato approvi il pacchetto di emendamenti al decreto Cura Italia firmato da tutte le componenti della commissione femminicidio, presieduta dalla senatrice Valeria Valente.

Ansa Coronavirus, “Bambino che assiste violenza in casa non può chiedere aiuto”

Ansa.it

“Questa reclusione non ci sta facendo vedere un tema poco affrontato e che rischia di acutizzarsi: la violenza assistita. Cioè un minore che vede picchiare o insultare la madre” da parte del padre violento, così lo psicologo clinico Damiano Rizzi, presidente dell’associazione Tiziana Vive che fa parte della rete antiviolenza Reama della Fondazione Pangea Onlus. “Oggi questi bambini non hanno più quelle valvole di sfogo – dal terapista alla scuola – a cui raccontare quello che avviene in casa” spiega. Lo sportello antiviolenza Reama/Pangea che si occupa anche di violenz assistita, per le madri è sempre aperto anche se “il bambino non ha questa possibilità”. Anche per le vittime di violenza assistita già in cura la situazione non è semplice: la videochiamata con il terapista che fa l’adulto non ha lo stesso valore per il bambino “viene meno la dimensione del gioco che è comunicazione per loro”. L’intervista di Roberta Benvenuto per l’Ansa sulla violenza assistita e sul lavoro che sta facendo Pangea attraverso la rete Reama.

Guarda il video